Approfondimento sulla gestione delle operazioni intracomunitarie

Approfondimento sulla gestione delle operazioni intracomunitarie

Il panorama delle operazioni intracomunitarie è stato oggetto di un significativo cambiamento con l'abolizione della possibilità di presentare gli elenchi INTRA-2 bis e INTRA-2 quater con periodicità trimestrale a partire dal 1° gennaio 2022, come stabilito dalla Determinazione dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli datata 23 dicembre 2021 n. 493869.

Le nuove regole impongono che i modelli INTRA-2 bis per gli acquisti di beni siano presentati mensilmente quando i soggetti passivi hanno effettuato acquisti intracomunitari di beni per un ammontare trimestrale uguale o superiore a 350.000 euro. Inoltre, i modelli INTRA-2 quater per i servizi registrati ricevuti devono essere presentati mensilmente dai soggetti passivi che hanno ricevuto prestazioni di servizi generici per un ammontare trimestrale uguale o superiore a 100.000 euro. Entrambe le sezioni (INTRA-2 bis e INTRA-2 quater) sono finalizzate esclusivamente alla raccolta di dati statistici.

Attualmente, i soggetti passivi sono tenuti alla predisposizione e invio delle sezioni INTRA-1 bis per le cessioni di beni e INTRA-1 quater per i servizi resi con periodicità trimestrale se hanno realizzato un ammontare totale trimestrale di cessioni intracomunitarie di beni o prestazioni di servizi non superiore a 50.000 euro, mensilmente se hanno superato tale soglia.

Un'importante precisazione dell'Agenzia delle Entrate riguarda la compilazione dei dati statistici negli elenchi relativi alle cessioni di beni, che è opzionale per i soggetti le cui operazioni trimestrali non superano i 100.000 euro.

In caso di necessità di rettifiche di elenchi già presentati, saranno richiesti i modelli INTRA-1 ter e INTRA-1 quinquies per le cessioni di beni o le prestazioni di servizi, nonché i modelli INTRA-2 ter e INTRA-2 quinquies per le correzioni relative agli acquisti di beni e servizi ricevuti. Questi modelli di rettifica sono ammissibili solo per operazioni con la stessa controparte (acquirente o fornitore) e se le modifiche sono dovute a errori od omissioni non ancora rilevati dagli Uffici doganali o dagli altri organi dell’Amministrazione finanziaria.

È importante notare che i modelli rettificativi non possono essere utilizzati per integrare le sezioni bis e quater riferite a periodi precedenti se coinvolgono operazioni con controparti diverse rispetto a quelle precedentemente indicate. In tali situazioni, è necessario trasmettere nuovi elenchi riepilogativi.

Per agevolare le imprese nella gestione di queste complesse regole e procedure, è disponibile il software gestionale WIntra. Questo software, sviluppato in ambiente Microsoft / SQL, offre maggiore affidabilità nella gestione delle operazioni intracomunitarie. Fornisce strumenti per la generazione automatica delle registrazioni a partire da file XLS, XML o testo. È adatto sia alle aziende che operano per conto terzi, come spedizionieri doganali, sia alle aziende che effettuano operazioni intracomunitarie in proprio.

Il software WIntra rappresenta un alleato essenziale per garantire la conformità alle nuove regole e semplificare la gestione di operazioni intracomunitarie complesse.

TOP